Ultima modifica: 16 Novembre 2020
Istituto Comprensivo Pontecagnano S. Antonio > Comunicazioni > Adempimenti anno di prova e formazione per Docenti neo-assunti a.s 2020/2021. – Iscrizioni ai Laboratori formativi (Entro e non oltre il 16 novembre 2020)

Adempimenti anno di prova e formazione per Docenti neo-assunti a.s 2020/2021. – Iscrizioni ai Laboratori formativi (Entro e non oltre il 16 novembre 2020)

Adempimenti anno di prova e formazione per Docenti neo-assunti a.s  2020/2021. – Iscrizioni ai Laboratori formativi (Entro e non oltre il 16 novembre 2020)

Ai Docenti neoassunti

Ai Docenti tutors

E p.c.:

Al DSGA

ATTI

Sito web istituzionale 

 

 

Oggetto: Adempimenti anno di prova e formazione per Docenti neo-assunti a.s  2020/2021. – Iscrizioni ai Laboratori formativi (Entro e non oltre il 16 novembre 2020)

 

 

PREMESSA

Con i seguenti documenti

  – D.M. 850 del 27 ottobre 2015

  – Nota Ministero dell’Istruzione prot. n. 28730 del 21.09.2020

  – Circolare USR per la Campania prot. n. 29227 del 30.09.2020

  – Circolare USR per la Campania prot. n. 37099 dell’11.11.2020

il Ministero dell’Istruzione e l’USR per la Campania forniscono indicazioni operative per lo svolgimento dell’anno di prova e di formazione per l’a.s. 2020/2021.

DOCENTI COINVOLTI NELL’ANNO DI PROVA E FORMAZIONE

A norma dell’art.2 del DM 850/2015, sono tenuti allo svolgimento del periodo di formazione e prova:

– i docenti che si trovano al primo anno di servizio con  incarico a tempo indeterminato e che aspirino alla conferma nel ruolo;

– i docenti per i quali sia stata richiesta la proroga del periodo di formazione e prova o che non abbiano potuto completarlo negli anni precedenti;

– i docenti per i quali sia stato disposto il passaggio di ruolo;

– i docenti che nello scorso anno scolastico non hanno superato positivamente l’anno di prova.

180 GIORNI DI SERVIZIO E 120 DI ATTIVITÀ DIDATTICA

L’art. 1 comma 116 della Legge 80/2015 dispone che il superamento del periodo di formazione e di prova è subordinato allo svolgimento del servizio effettivamente prestato per almeno centottanta giorni, dei quali almeno centoventi per le attività didattiche.

Nei CENTOTTANTA GIORNI sono computate tutte le attività connesse al servizio scolastico, ivi compresi i periodi di sospensione delle lezioni e delle attività didattiche, gli esami e gli scrutini ed ogni altro impegno di servizio, ad esclusione dei giorni riferibili a ferie, assenze per malattia, congedi parentali, permessi retribuiti e aspettativa.

Va computato anche il primo mese del periodo di congedo di maternità dal servizio per gravidanza.

In particolare vanno considerati, purché ricadenti in un periodo effettivo di periodo effettivo servizio:

  • tutte le domeniche, i giorni festivi e le festività soppresse, le vacanze pasquali e natalizie.
    • i periodi d’interruzione dell’attività didattica dovuti a ragioni di pubblico servizio (chiusura scuole, elezioni ecc).
    • i giorni dedicati agli scrutini.
    • la frequenza di corsi di formazione e aggiornamento indetti dall’amministrazione scolastica.
    • il periodo compreso tra l’anticipato termine delle lezioni a causa di elezioni politiche e la data prevista dal calendario scolastico (C.M. 180 dell’1 1.7.1979).

Nel conteggio dei 180 giorni non vanno considerati:
• i giorni di ferie, di assenza per malattia (compreso l’infortunio) e di aspettativa per ragioni familiari o altre aspettative (a meno che la legge che le regola non preveda esplicitamente che sono considerate nel periodo di prova).
• le vacanze estive.
• I periodi di congedo di maternità/interdizione dal lavoro (escluso il primo mese), di congedo parentale o di malattia del bambino, anche se retribuiti.
• i permessi retribuiti e non retribuiti (es. congedo matrimoniale, permessi per motivi personali, per lutto, legge 104/92 ecc.).

Per quanto riguarda le attività didattiche, nei CENTOVENTI GIORNI sono considerati sia i giorni effettivi di lezione sia i giorni impiegati presso la sede di servizio per ogni altra attività preordinata al migliore svolgimento dell’azione didattica, ivi comprese quelle valutative, progettuali, formative e collegiali.

IL TUTOR 

I docenti neo-assunti o che hanno ottenuto il passaggio di ruolo sono tenuti all’effettuazione del periodo di prova e formazione.

Il docente tutor

E’ il Docente che svolge funzione di tutor nei confronti dei docenti in formazione e prova.

Tale docente assumerà un ruolo significativo non solo nella fase finale del periodo di prova, quando dovrà rilasciare parere motivato al dirigente scolastico circa le caratteristiche dell’azione professionale del docente a lui “affidato”, ma soprattutto nel corso dell’intero anno scolastico, quando dovrà esplicare una importante funzione di accoglienza, accompagnamento, tutoraggio e supervisione professionale.

La scelta della figura del tutor si ispira alle caratteristiche del tutor accogliente degli studenti universitari impegnati nei tirocini formativi attivi.

Il docente tutor accoglie il neo-assunto o docente che ha ottenuto il passaggio di ruolo nella comunità professionale, favorisce la sua partecipazione ai diversi momenti della vita collegiale della scuola ed esercita ogni utile forma di ascolto, consulenza e collaborazione per migliorare la qualità e l’efficacia

dell’insegnamento. La funzione di tutor si esplica altresì nella predisposizione di momenti di reciproca osservazione in classe. La collaborazione può esplicarsi anche nella elaborazione, sperimentazione, validazione di risorse didattiche e unità di apprendimento.

L’individuazione del tutor spetta al Dirigente Scolastico attraverso il coinvolgimento del Collegio dei docenti.

A ogni docente in formazione e prova è assegnato un tutor di riferimento operante di norma nello stesso plesso scolastico. 

IL PERCORSO DI FORMAZIONE

Attività formative per la durata di 50 ore

Esse comprendono:

Primo passo: il bilancio delle competenze iniziali

Il bilancio delle competenze iniziali, in forma di autovalutazione strutturata, viene compilato con la collaborazione del docente tutor. Il bilancio di competenze consente di compiere una analisi critica delle competenze possedute, di delineare i punti da potenziare e di elaborare un progetto di formazione in servizio coerente con la diagnosi compiuta.

Al bilancio delle competenze segue il Patto per lo sviluppo professionale.

-Fase del peer to peer e osservazione in classe/formazione tra pari: 12 ore

concordata tra docente tutor e docente neo-assunto.

  1. L’attività di osservazione in classe, svolta dal docente neo-assunto e dal tutor, è finalizzata al miglioramento delle pratiche didattiche, alla riflessione condivisa sugli aspetti salienti dell’azione di insegnamento. L’osservazione è focalizzata sulle modalità di conduzione delle attività e delle lezioni, sul sostegno alle motivazioni degli allievi, sulla costruzione di climi positivi e motivanti, sulle modalità di verifica formativa degli apprendimenti.
  2. Le sequenze di osservazione sono oggetto di progettazione preventiva e di successivo confronto e rielaborazione con il docente tutor e sono oggetto di specifica relazione del docente neo-assunto. Alle attività di osservazione sono dedicate almeno 12 ore.
  3. In relazione al patto di sviluppo professionale di cui all’articolo 5, possono essere programmati, a cura del dirigente scolastico, ulteriori momenti di osservazione in classe con altri docenti.

(Obiettivo: Sviluppare competenze sulla conduzione della classe e sulle attività di insegnamento, sul sostegno alla motivazione degli allievi, sulla costruzione di climi positivi e motivanti e sulle modalità di verifica degli apprendimenti.

Descrizione:

Questa fase può essere articolata, di massima, in diversi momenti:

3 ore di progettazione condivisa,

4 ore di osservazione del neoassunto nella classe del tutor,

4 ore di osservazione del tutor nella classe del neoassunto.

1 ora di verifica dell’esperienza).

Formazione on line (ambiente predisposto da INDIRE) 20 ore:

offrirà utili materiali didattici e strumenti finalizzati all’analisi, alla riflessione e alla documentazione del

percorso formativo.

L’offerta formativa territoriale

-Incontri propedeutici e di restituzione finale a livello territoriale (di complessive 6 ore):

Il primo incontro è finalizzato alle indicazioni sulle diverse fasi del percorso di formazione e saranno illustrati i materiali didattici di supporto alla corretta gestione delle attività.

  • È opportuno che partecipino anche i tutor.

L’incontro finale sarà finalizzato a compiere una valutazione complessiva dell’attività svolta.

Laboratori formativi a livello territoriale: 12 ore

I suddetti laboratori formativi verteranno sulle seguenti aree trasversali:

  1. nuove risorse digitali e loro impatto sulla didattica;
  2. gestione della classe e problematiche relazionali;
  3. valutazione didattica e valutazione di sistema (autovalutazione e miglioramento);
  4. bisogni educativi speciali;
  5. contrasto alla dispersione scolastica;
  6. inclusione sociale e dinamiche interculturali;
  7. orientamento e alternanza scuola-lavoro;
  8. buone pratiche di didattiche disciplinari.

Durante questo anno scolastico, a seguito della Nota del Ministero dell’Istruzione prot. n. prot. n. 28730 del 21.09.2020, è apparso comunque prioritario dedicare una specifica attenzione ai seguenti temi:

iniziative e provvedimenti legati alla gestione delle istituzioni scolastiche in fase di emergenza;

– competenze relative alle metodologie e alle tecnologie della didattica digitale e della programmazione informatica (coding) (anche al fine di dare una prima attuazione all’articolo 1-ter del Decreto Legge 29 ottobre 2019, n. 126) per la digitalizzazione dei processi e degli strumenti di apprendimento;

– piano per la formazione dei docenti con riferimenti anche al nuovo curricolo di educazione civica di cui alla Legge 20 agosto 2019, n.92;

– Ordinanza ministeriale, in corso di predisposizione, in materia di valutazione finale degli apprendimenti degli alunni delle classi della scuola primaria, ai sensi dell’articolo 1 comma 2 bis del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22 (per gli insegnanti della scuola primaria);

– lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti, l’uso responsabile di Internet, la protezione dei dati personali, il contrasto al cyberbullismo.

Altri temi potranno essere inseriti in base a bisogni formativi specifici dei diversi contesti territoriale e con riferimento alle diverse tipologie di insegnamento.

Ogni docente neo-assunto, in conseguenza del patto per lo sviluppo professionale, segue obbligatoriamente laboratori formativi per complessive 12 ore di attività, con la possibilità di optare tra le diverse proposte formative offerte a livello territoriale.

-Al termine del periodo di formazione e di prova, il docente neo-assunto, con la supervisione del docente tutor, traccia un nuovo bilancio di competenze per registrare i progressi di professionalità, l’impatto delle azioni formative realizzate, gli sviluppi ulteriori da ipotizzare. 

Partecipazione alle attività formative previste dall’istituzione scolastica

Come da Piano di formazione dell’Istituto scolastico. 

STRUMENTI:

-Bilancio delle competenze

-Portfolio professionale

-Patto per lo sviluppo formativo

 

Bilancio delle competenze

La formazione dei docenti prende avvio con una fase di ricognizione realizzata attraverso la redazione di un

Bilancio delle competenze e svolta in forma di autovalutazione dagli insegnanti con la collaborazione del docente tutor in qualità di “facilitatore”. Attraverso il bilancio delle competenze, il docente deve effettuare una riflessione puntuale sulle esperienze realizzate in ambito culturale e professionale e fa r emergere la percezione dell’autoefficacia rispetto alle funzioni che è chiamato a svolgere. 

Patto formativo per lo sviluppo professionale

Il dirigente scolastico e il docente neo-assunto, sulla base del bilancio delle competenze, sentito il docente tutor e tenuto conto dei bisogni della scuola, stabiliscono, con un apposito patto per lo sviluppo professionale, gli obiettivi di sviluppo delle competenze di natura culturale, disciplinare, didattico-metodologica e relazionale, da raggiungere attraverso le attività formative e la partecipazione ad attività formative attivate dall’istituzione scolastica o da reti di scuole, nonché l’utilizzo eventuale delle risorse della Carta.

Portfolio professionale

-Nel corso del periodo di formazione il docente neo-assunto cura la predisposizione di un proprio portfolio professionale, in formato digitale, che dovrà contenere:

  1. uno spazio per la descrizione del proprio curriculum professionale;
  2. l’elaborazione di un bilancio di competenze, all’inizio del percorso formativo;
  3. la documentazione di fasi significative della progettazione didattica, delle attività didattiche svolte, delle azioni di verifica intraprese;
  4. la realizzazione di un bilancio conclusivo e la previsione di un piano di sviluppo professionale.

Il portfolio professionale assume un preminente significato formativo per la crescita professionale permanente di ogni insegnante.

Dovrà essere consegnato al Dirigente scolastico che lo trasmette al Comitato di valutazione almeno cinque giorni prima della data fissata per il colloquio.

 IL COMITATO DI VALUTAZIONE

 Criteri per la valutazione del personale docente in periodo di formazione e di prova

Art. 4 del D.M. n. 850 del 27/10/2015:

Dal comma 1:

 Il periodo di formazione e di prova è finalizzato specificamente a verificare la padronanza degli standard professionali da parte dei docenti neo-assunti con riferimento ai seguenti criteri:

  1. a. corretto possesso ed esercizio delle competenze culturali, disciplinari, didattiche e metodologiche, con riferimento ai nuclei fondanti dei saperi e ai traguardi di competenza e agli obiettivi di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti;
  2. b. corretto possesso ed esercizio delle competenze relazionali, organizzative e gestionali (sono valutate l’attitudine collaborativa nei contesti didattici, progettuali, collegiali, l’interazione con le famiglie e con il personale scolastico, la capacità di affrontare situazioni relazionali complesse e dinamiche interculturali, nonché la partecipazione attiva e il sostegno ai piani di miglioramento dell’istituzione scolastica);
  3. c. osservanza dei doveri connessi con lo status di dipendente pubblico e inerenti la funzione docente;
  4. d. partecipazione alle attività formative e raggiungimento degli obiettivi dalle stesse previsti.

Dal comma 2:

Visto il piano dell’offerta formativa e della documentazione tecnico-didattica relativa alle classi, ai corsi e agli insegnamenti di sua pertinenza, il docente neo-assunto redige la propria programmazione annuale, in cui specifica, condividendoli con il tutor, esiti di apprendimento attesi, le metodologie didattiche, le strategie inclusive per alunni con bisogni educativi speciali e di sviluppo delle eccellenze, gli strumenti e i criteri di valutazione, che costituiscono complessivamente gli obiettivi dell’azione didattica (la cui valutazione è parte integrante della procedura di valutazione dei docenti).

La programmazione è correlata ai traguardi di competenza, ai profili culturali, educativi e professionali, ai risultati di apprendimento e agli obiettivi specifici di apprendimento previsti dagli ordinamenti vigenti e al piano dell’offerta formativa.

Procedure per la valutazione del periodo di formazione e di prova – Comitato di valutazione

  1. Al termine dell’anno di formazione e prova, il dirigente scolastico convoca il Comitato di valutazione per procedere all’espressione del parere sul superamento del periodo di formazione e di prova.
  2. Il docente sostiene un colloquio innanzi al Comitato; il colloquio prende avvio dalla presentazione delle attività di insegnamento e formazione e della relativa documentazione contenuta nel portfolio professionale, consegnato preliminarmente al dirigente scolastico che lo trasmette al Comitato almeno cinque giorni prima della data fissata per il colloquio. Il rinvio del colloquio per impedimenti non derogabili è consentito una sola volta.
  3. All’esito del colloquio, il Comitato si riunisce per l’espressione del parere. Il docente tutor presenta le risultanze emergenti dall’istruttoria compiuta in merito alle attività formative predisposte ed alle esperienze di insegnamento e partecipazione alla vita della scuola del docente neo-assunto. Il dirigente scolastico presenta una relazione per ogni docente comprensiva della documentazione delle attività di formazione, delle forme di tutoring, e di ogni altro elemento informativo o evidenza utile all’espressione del parere.
  4. Il parere del Comitato è obbligatorio, ma non vincolante per il dirigente scolastico, che può discostarsene con atto motivato.

ISCRIZIONI AI LABORATORI FORMATIVI

Entro e non oltre il 16 novembre 2020 secondo il percorso indicato nella nota allegata.

Allegati:

Nota USR per la Campania prot. n. 37099 dell’11.11.2020 relativa a “Anno di formazione e di prova dei docenti a.s. 2020/2021 LABORATORI FORMATIVI – ISCRIZIONI

 

Il DIRIGENTE SCOLASTICO  
Prof.ssa Antonietta Cembalo

Firmato digitalmente

Link vai su