Ultima modifica: 2 novembre 2018
Istituto Comprensivo Pontecagnano S. Antonio > Famiglie > Questionario PIEDIBUS – Sei buone ragioni per organizzare il Piedibus

Questionario PIEDIBUS – Sei buone ragioni per organizzare il Piedibus

Sei buone ragioni per organizzare il Piedibus.

Sei buone ragioni per organizzare il Piedibus – Alunni scuola primaria

Movimento:
Il Piedibus dà la possibilità a ognuno di fare del regolare esercizio fisico.
E’ dimostrato che i bambini più sono attivi e più diventeranno adulti attivi.
Solo 15 minuti di tragitto a piedi per andare e tornare da scuola può costituire la metà dell’esercizio fisico giornaliero raccomandato per i bambini.

Sicurezza:
I bambini che vanno a scuola con Piedibus sono parte di un gruppo grande e visibile sorvegliato da adulti e accompagnato in tutta sicurezza. Ciò rassicura i genitori che non si fidano a mandare i loro figli a scuola da soli.

Educazione stradale:
Il Piedibus aiuta i bambini ad acquisire “abilità pedonali”, così quando inizieranno ad andare in giro da soli saranno più preparati ad affrontare il traffico.

Socializzazione:
Il tragitto a scuola dà la possibilità ai bambini di parlare e farsi nuovi amici; quando arriveranno a scuola avranno fatto la loro chiacchierata e saranno più pronti a far lezione.

Ambiente:
Ogni tragitto percorso a piedi aiuta a ridurre la concentrazione di traffico attorno alle scuole, questo aiuterà a ridure l’inquinamento atmosferico e a migliorare l’ambiente a beneficio di tutti.

Respirare meglio:
Le ricerche hanno dimostrato che percorrere un beve tragitto in automobile ci espone di più all’inquinamento dell’aria che non andando a piedi! Usando i Piedibus i bambini potranno respirare aria più pulita e risvegliarsi, prima di sedersi in classe a lavorare.

Ci sembrano tutte ottime ragioni per lanciare, anche nella nostra scuola, l’iniziativa del “Piedibus”.

Con questo questionario cerchiamo di analizzare la situazione del percorso casa scuola e di capire quanto consenso può riscuotere questa idea, nella speranza che le nostre scuole possano diventare uno dei luoghi in Italia dove si attua un esperimento di questo tipo.

Compila il QUESTIONARIO 

Link vai su